Bestia di Satana fa reporter online

Sapone scrive: “Ho scoperto la messa”

Deve scontare due ergastoli per l’omicidio di Chiara Marino e Fabio Tollis ma dalla sua cella Nicola Sapone, il leader delle Bestie di Satana, ha scoperto una nuova vocazione: il giornalismo. Da un paio di mesi, come riporta il Corriere della Sera, l’ex idraulico di Busto Arsizio collabora con la testata online “La voce d’Italia”. E scrive: “In cella ho scoperto la messa”. Non parla di pentimento ma scatena le ire dei lettori.

“La vita frenetica di oggi purtroppo non dà tempo per riflettere su semplici e importanti temi come la fede”. Non è la predica di un prete ma un passaggio di uno degli articoli scritti da Nicola Sapone, pluricondannato per omicidio e a capo di una setta di satanisti. In cella, però, dice di aver riscoperto la messa. Non chiede sconti di pena e nemmeno chiede perdono. Se la prende, piuttosto, con i pentiti (“dovrebbero essere castigati come nell’antica Roma, chi calunniava una persona era punito con la morte”), con chiaro riferimento ad Andrea Volpe, l’ex membro delle bestie di Satana che ha confessato gli omicidi compiuti dal gruppo.

Una specie di vittimismo, quello di Sapone, che trapela anche in altri articoli. In uno si paragona anche a Enzo Tortora: “Cosa provava nel leggere tutte quelle calunnie sui giornali? Direi che è come essere trafitto da mille aghi che non ti uccidono, ma che ti lesionano irrimediabilmente l’animo”. Ma i lettori della “Voce d’Italia” non si fanno intenerire. “Deve scontare la sua condanna fino in fondo senza sconti”, scrive un lettore. Altri, però, sono meno cordiali: “La corda la mettiamo noi. Il servizio è completo. Per certi animali: viva la pena di morte!”. A difendere, ma solo editorialmente, Sapone interviene il direttore del giornale, Marco Marsili: “Non chiede la liberazione: è stato condannato e sta scontando la sua pena. Ciò non deve essere di ostacolo alla possibilità di esercitare il diritto costituzionale ad esprimere il proprio pensiero”.

Com’è possibile trasformarsi in mostri assassini ascoltando solo musica heavy metal e seguendo correnti di pensieri Dark-Gothic?Insomma,quello che credo io è che ognuno debba avere la propria identità incondizionata..avere una sorta di consapevolezza tra il dove inizia e finisce la realtà..Non si può vantare il diritto di uccidere 2 coetanei solo perchè un fottuto cantante lo urla a squarciagola nel suo ultimo successo..io sono io,e ho una testa per decidere e pensare,senza dovermi sentire obbligato,inferiore o diverso se rifiuto di fare ciò che dice il branco..

stiamo diventando una società di matti incontrollati..è pazzesco..

~ di statuario su ottobre 10, 2008.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: